Salta al contenuto

Bed & breakfast

L’ "esercizio di Bed and Brekfast" è un’attività ricettiva svolta nella propria abitazione e che rende disponibile al cliente un servizio di alloggio e prima colazione.
Possono inoltre esercitare l’attività, coloro che sono in possesso di un’abitazione per diritto d’uso, usufrutto, comodato o contratto di locazione.
Le stanze destinate a questa attività, al massimo 3 e con un massimo di 6 posti letto (più un eventuale letto per i minori di 12 anni), devono possedere i requisiti igienico-sanitari previsti per l’uso abitativo.
Nel caso sia utilizzata per l’accoglienza più di una stanza, dovrà essere garantita la disponibilità di due servizi igienici.
L’esercizio del B&B, non costituisce cambio di destinazione d’uso residenziale dell’unità immobiliare e comporta, per i proprietari o possessori, l’obbligo di residenza e dimora nella medesima.
L’attività deve avere un carattere saltuario, con l’obbligo che il periodo complessivo di attività, nell’arco dell’anno, non superi le 120 giornate o, in alternativa, 500 pernottamenti sempre nell’arco dell’anno solare.

Accedere al servizio

Come si fa

Il cittadino che vuole esercitare questa l’attività, deve presentare:
- la denuncia d’inizio attività al proprio Comune, anche in caso di subentro;
- una nuova dichiarazione dei requisiti posseduti, entro il 14 giugno 2005, a seguito delle direttive pubblicate sul BUR 168/2004.
Non occorre l’iscrizione al Registro delle Imprese e l’attività non è soggetta all’applicazione dell’IVA e al conseguente obbligo di apertura di partita IVA.

L’esercente è tenuto a comunicare entro il 1 ottobre di ogni anno al Comune e alla Provincia, il periodo di apertura dell’attività ed i prezzi massimi.
Occorre inoltre comunicare alla Provincia il movimento degli ospiti su apposito modulo e secondo le modalità indicate dall’ISTAT.

Cosa si ottiene

E’ compito della Provincia redigere annualmente l’elenco delle attività ricettive, provvedere alla sua pubblicazione, svolgere l’attività di controllo e sanzionatoria in materia di prezzi.
E’ compito dei Comuni la verifica del possesso dei requisiti per lo svolgimento dell’attività.
La Regione non assegna finanziamenti per interventi strutturali per l’esercizio dell’attività di B&B.

Canale digitale

Cosa serve

Per esercitare l’attività non è obbligatoria la frequenza di corsi regionali.

Allegati

Ulteriori informazioni

In allegato è disponibile la nota della Regione Emilia Romagna - Servizio Turismo e Qualità Aree Turistiche del 03.10.2008 prot. 227543 in cui sono riportate le differenze fra l'attività di Bed and Breakfast e Room and Breakfast.

Ultimo aggiornamento

30-08-2022 16:08

Questa pagina ti è stata utile?