immagine di Canossa

Vico

Il borgo di Vico si sviluppa linearmente attorno all'antica strada che, risalendo l'omonimo Rio, conduceva nel cuore del territorio matildica, diretta a Rossena e Canossa; è questo un interessante itinerario escursionistico ancora oggi ben percorribile. L'importanza strategica di quest'antichissima via di comunicazione fece sì che a Vico sorgessero case a torre aventi una precisa funzione presidiarla e di difesa avanzata nei confronti delle retrostanti rocche di Canossa e Rossena; delle antiche torri di Vico rimane ancora oggi ben visibile quella appartenente alla famiglia Giovannini Viani, che s'innalza isolata nell'estremità orientale dell'abitato; delle altre torri, invece, si scorgono deboli tracce, a causa delle ristrutturazioni e capitozzature cui sono state oggetto nel corso degli anni. All'interno di alcuni caseggiati compaiono anche ornati ad affresco rinascimentali, che attestano la presenza di nuclei particolarmente abbienti.
È consigliabile risalire il Rio Vico, abbandonando l'omonimo abitato, seguendo una comoda carreggiata a fondo naturale che costeggia il torrente; in breve tempo si entra nel folto bosco di querce che riveste i circostanti calanchi, incontrando una ricca sequenza di vegetazione erbacea ed arbustiva, tipica di queste zone aride ed assolate. Le acque del Rio accolgono una ricca presenza faunistica, che annovera tra l'altro, specie poco comuni di libellule dai colori assai sgargianti. 


Ultimo aggiornamento: 02/12/08